À rebours

Definizione applicata di “andare controcorrente”: prendere il passante alle 8 del mattino per andare fuori Milano. In un giorno di sciopero dei mezzi pubblici (a partire dalle 8.45).

Vedrete stazioni deserte che improvvisamente sussultano all’arrivo di un vagone di pendolari; vedrete quello stesso vagone sputare fuori fiotti di persone in tenuta da lavoro che, appena toccata terra, scattano come in una pista d’atletica per i luoghi della loro agenda, sincronizzati in tempo reale con essa; vedrete, ancora lui, sempre quel vagone, rumoroso vascello, accogliervi vuoto, mentre percorrete il flusso al contrario, andate dove gli altri saranno dopo, tornerete dove erano ora. E sarete sempre in dubbio: se siete fuori dal ritmo perché in ritardo, degli errori vaganti, o se perché la vostra vita è più originale, pagine bianche ancora da vergare.

20130603-082815.jpg

20130603-082849.jpg

20130603-082906.jpg

20130603-082919.jpg

About these ads
Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

One thought on “À rebours

  1. Marco Montagna scrive:

    chedddiavolo ci facevi là fuori stamattina?! gran bel racconto, breve ma interessantissimo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.119 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: